Cronache di vita di un cane buffo

Articoli con tag “isteria

Per quest’anno niente mare!

Altro che “per quest’anno non cambiare/stessa spiaggia stesso mare”! Quest’anno io e la mamma abbiamo per una volta deciso all’unanimità: niente permanenza estiva al mare.

Come i miei affezionati lettori ben sanno, io amo moltissimo il mare. L’aria salmastra, l’intenso aroma di schifo portato dal vento, le marcescenti fetenzie che accarezzano i miei baffi sul bagnasciuga… poesia!

Tuttavia questa decisione è stata molto facile da prendere e mi ha trovato del tutto concorde.

IMG_8939

Ma a voi sembra pulita questa spiaggia? A me no, per nulla!

(altro…)

Annunci

Il bassotto del termometro francese

Come voi sapete, lo zio Pepe (noto anche come Peppo-Bill) è un bassotto di 7 anni, in possesso di un fisico straordinariamente atletico e di una marcata ossessione per lo sport: nuoto, palestra, corsa, atletica, non esiste attività ginnica in cui lui non eccella. È il cane personale della mia nonnina, per la quale ha un amore patologico che a mio parere va ben oltre i limiti della sanità mentale… ma come ogni bassotto che si rispetti, lo zio Pepe pensa e vive per ossessioni.

Eccomi in tutto il mio lunghissimo splendore!

Eccomi in tutto il mio lunghissimo splendore!

In via del tutto eccezionale e al fine di far meglio gustare ai miei lettori le molte sfaccettature della mia vacanza, ho deciso di lasciare in questo post la parola a mio zio Pepe che racconterà del nostro viaggio in Francia dal proprio punto di vista.

(altro…)


L’inferno dello shopping…

Tra i molti, insani passatempi in cui lascio che mia madre, povera cara, indulga, il peggiore è senza dubbio lo shopping, che fa molto male ad entrambi. A lei fa male perché di base non ha soldi da spendere ed il fatto che li spenda comunque ci porta entrambi in una continua e perenne situazione di indigenza… e a me fa male perché sono un filosofo nichilista MASCHIO e quindi non solo detesto queste forme epicuree di piacere, ma le trovo anche infinitamente barbose.

 

Eccomi a fare shopping con nonnina… che almeno frequenta negozi di classe!

(altro…)


Allegoria di un conflitto

Nel corso dei mesi, le conflittualità con mia madre si sono di fatto molto ridotte, soprattutto grazie all’intervento del mio adorato nonnino che mi ha spiegato come gestirla meglio. Su un tema però non riusciamo davvero a trovare pace: la barbara usanza con cui lei pretende di arpionarsi a me mentre giriamo, utilizzando dei leggeri finimenti (di dubbio gusto) che chiama collare e guinzaglio.

Con il collare fluo che la zia Misa adora!

Con il collare fluo che la zia Misa adora!

(altro…)


Il mio adorato nonnino!

Come i miei lettori ben sanno, nella mia povera vita sfortunata ho avuto due sole consolazioni.
La prima è la filosofia nichilista, che mi permette di uscire indenne dai contraccolpi del destino e di sopravvivere con eleganza alle continue paturnie di una madre affetta da acute forme di isterismo.
La secondo è il mio adorato nonnino.

foto

(altro…)


Pioggia, tragedia sentimentale, in 3 atti ed un epilogo.

(La tragedia è un componimento poetico che sembra partire bene e invece finisce male.)

Atto 1

Piove. I flutti si mischiano all’infinito grigio del cielo. La pioggia frange con le proprie fredde lacrime i sassi della spiaggia. Il vento carezza con le proprie dita umide i cocuzzoli ricciuti degli alberi nel parco.

Eccomi, immerso nella pioggia.

Eccomi, immerso nella pioggia.

Piove, e mentre la pioggia bagna come una carezza lieve le morbide frasche gli scottie sono idrorepellenti e felici trotterellano nei prati, sui greti sabbiosi, sui sentieri boschivi, saltando come agili scoiattoli da una pozzanghera all’altra. Felici, ed incuranti. Immersi nel sublime turgore di profumi e di aromi sprigionati di fresco dalla terra bagnata, gli scottie corrono mobili ed agilissimi, immersi nel candido silenzio delle nubi basse e della risacca. (altro…)


Apologia del mare in inverno!

La vita di noi scottie è tutta una valle di lacrime, ormai deve esservi chiaro… eppure ci sono posti dove si piange più volentieri di altri. Nel mio caso uno dei miei posti preferiti è il mare in inverno: un eccitante luogo di incontro di profumi, colori, sapori, da assaporare lontano dalla pazza folla della vita di città. Per fortuna la mia trista genitrice condivide con me questa passione e mi fa spesso la grazia di portarmi al mare, per cambiare il tavolo a cui si siede mentre fissa quella scatola di latta che usa per scrivere.

il mio profilo stagliato sui flutti

il mio profilo stagliato sui flutti

(altro…)