Cronache di vita di un cane buffo

L’inferno dello shopping…

Tra i molti, insani passatempi in cui lascio che mia madre, povera cara, indulga, il peggiore è senza dubbio lo shopping, che fa molto male ad entrambi. A lei fa male perché di base non ha soldi da spendere ed il fatto che li spenda comunque ci porta entrambi in una continua e perenne situazione di indigenza… e a me fa male perché sono un filosofo nichilista MASCHIO e quindi non solo detesto queste forme epicuree di piacere, ma le trovo anche infinitamente barbose.

 

Eccomi a fare shopping con nonnina… che almeno frequenta negozi di classe!


Ho scritto altrove quale fosse la mia idea di una passeggiata fatta bene… non mi ripeterò, ma di fatto lo shopping con mamma è quanto di più agli antipodi ci sia.

Fare shopping con mamma richiede, in prima istanza, l’uso dei finimenti (già descritto qui), e questo basterebbe a farmi andare di traverso l’attività… ma il peggio deve ancora venire.
Lo shopping si fa nei negozi: posti insulsi pieni di cose asettiche prive di odore, sapore o interesse alcuno. Sono pieni di indumenti o borse o scarpe più o meno identici fra i quali mamma procede con un’andatura discontinua e un percorso che sfiora l’isteria: si muove a zig zag, procede senza metodo o stile. Non capisco il senso del suo agitarsi: tanto i negozi si somigliano tutti e sono tutti egualmente privi di attrattiva…

In compenso sono pieni di commesse: donnette urlanti che appena mi vedono arrivare si avventano su di me pigolando e trattandomi come un peluche. Tutte hanno un cane/figlio (stessa cosa, dal loro punto di vista) che mi somiglia. Alcune (ma si tratte di pochissime eccezioni) sono abbastanza carine da lasciarmi stare senza ridicoli vezzeggiamenti e moine, ma la maggior parte mi sfinisce al punto tale che quando finalmente la mamma entra nel camerino per provarsi qualcosa la seguo solo per cercare una tregua.
Peggio delle commesse ci sono solo gli eventuali bambini bipedi che accompagnano le loro mamme: anche loro, come me, sono annoiati… ma diversamente da me loro sono anche isterici e pieni di manine piene di dita pronte a ghermirmi. Tremendi.

Il mio adorato nonnino condivide in pieno il mio scarso amore per certe cose.

Ovviamente, anche camminando nei negozi io applico le strategie descritte altrove per camminare al guinzaglio: nei negozi è particolarmente interessante tenere il guinzaglio teso all’interno dei corridoi, perché provoca gustose cadute a catena delle altre clienti che non mi vedono. Gli spazi ridotti tuttavia sono spesso complicati da gestire e le mie ridotte dimensioni e buon carattere mi rendono spesso vittima di goffe e dolorose invasioni di campo: sovente le clienti pestano le mie piccole pattes con i loro ingombrati piedi e quando guaisco è peggio ancora, perché si chinano su di me per vezzeggiarmi come un animale di pezza. Tremendo.

Agonia in un camerino...

Agonia in un camerino…

Finalmente entriamo nel camerino. Sono spazi angusti e non a dimensione di scottie, ma nella tragedia dello shopping è la parte che preferisco: sono freschi di aria condizionata e tranquilli. Posso finalmente trovare un po’ di pace e dormire mentre la mamma prova una serie infinita di indumenti tutti uguali (bragoni sgraziati di cui ha gli armadi colmi, vestitoni floreali, magliettine di dubbio gusto): non importa, il camerino è un’oasi di quiete in mezzo alla tempesta, dove riposare le mie stanche membra e fare una comoda tana sui vestiti della mia mamma.

Provate le sue due o tre (cento) cose, lei esce, paga… e si ricomincia da CAPO in un altro negozio assolutamente IDENTICO a quello che abbiamo appena lasciato, dove lei proverà altre cose identiche a quelle che ha appena provato e altre commesse mi tireranno i baffi e derideranno.
La mia personale idea dell’inferno, non è molto lontana da tutto questo: fortuna che mamma è abbastanza povera da non poterselo permettere troppo spesso!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...