Cronache di vita di un cane buffo

Pioggia, tragedia sentimentale, in 3 atti ed un epilogo.

(La tragedia è un componimento poetico che sembra partire bene e invece finisce male.)

Atto 1

Piove. I flutti si mischiano all’infinito grigio del cielo. La pioggia frange con le proprie fredde lacrime i sassi della spiaggia. Il vento carezza con le proprie dita umide i cocuzzoli ricciuti degli alberi nel parco.

Eccomi, immerso nella pioggia.

Eccomi, immerso nella pioggia.

Piove, e mentre la pioggia bagna come una carezza lieve le morbide frasche gli scottie sono idrorepellenti e felici trotterellano nei prati, sui greti sabbiosi, sui sentieri boschivi, saltando come agili scoiattoli da una pozzanghera all’altra. Felici, ed incuranti. Immersi nel sublime turgore di profumi e di aromi sprigionati di fresco dalla terra bagnata, gli scottie corrono mobili ed agilissimi, immersi nel candido silenzio delle nubi basse e della risacca.

La mia eleganza ruspante, non compromessa dall'umidità. In Scozia ci siamo abituati.

La mia eleganza ruspante, non compromessa dall’umidità. In Scozia ci siamo abituati.

Così lo scrisse un bipede (anche se mi dicono che si muovesse non male anche a 4 zampe) di cui apprezzo la maschia poesia:

“Ascolta. Piove
dalle nuvole sparse.
Piove su le tamerici
salmastre ed arse,
piove sui pini
scagliosi ed irti,
piove sui mirti
divini…”

Atto 2

Ok, piove ancora. Anzi: diluvia.

Immersi nell'acqua al mare.

Immersi nell’acqua al mare.

Quindi per uscire la mamma prende un cappotto, un cappello, due sciarpe (quella leggera sotto, quella pesante sopra), un ombrello e gli stivali da pioggia. E io, siccome sono un povero figlio di nessuno? Io NIENTE. Io esco nelle intemperie NUDO, come mamma mi ha fatto, perché a quanto pare il budget per un trench tartan di Burberry fatto come dio comanda ce lo siamo fatto fuori in un numero imprecisato di scarpe. Perfetto.

Tanto io ci sono abituato, cosa volete mi importi. Io sono un vero uomo, io non chiedo mai nulla. Certo, un impermeabilino di Burberry, stretto in vita, per dar risalto alla mia sagoma scolpita, e alto sul collo, in modo da slanciarmi il personale poteva anche prendermelo. Ma no, figuriamoci. Non ha badato a me: madre e MATRIGNA, ecco cosa.

Uno scottie MOLTO bagnato. Ma ancora elegante.

Uno scottie MOLTO bagnato. Ma ancora elegante.

Quindi esco e torno a casa infeltrito come un povero pulcino negro e a quel punto all’inganno si aggiunge la beffa perchè lei mi prende e mi arrotola in un rozzo panno per asciugarmi, come se fosse COLPA MIA se sono bagnato come un peluche che esce dalla lavatrice. La naturale morbidezza del mio pelo, compromessa! La mia impeccabile acconciatura, rovinata! Le mie incantevoli sopracciglia, arruffate!

Mi frulla un po’ nell’asciugamano e poi io sono praticamente bagnato come prima e vado ad asciugarmi sul divano (di giorno) o nel suo letto (di notte). Che almeno impara!

Atto 3

Piove. Ancora. Da GIORNI.

In mancanza di foto di scottie sotto la pioggia, perchè il modello si sarebbe pure rotto di uscire, alleghiamo una veduta scelta a caso.

In mancanza di foto di scottie sotto la pioggia, perchè il modello si sarebbe pure rotto di uscire, alleghiamo una veduta scelta a caso.

E io a ‘sto giro, ne avrei anche piene le palle. Quindi no, mammina cara: non esco. Inutile che prendi cappotto, cappello, sciarpe (tutte e due), ombrello e stivali, perché io non ho nessuna intenzione di alzarmi da questa poltrona fino a che non ESPLODO. Non so se mi sono spiegato.

Inutile che mi lusinghi, che alzi la voce e che ti pianti in strada vestita come un marinaio di turno sul ponte di una nave in tempesta nell’oceano di notte in inverno quando piove. Io non intendo fare un altro passo.

Guarda al massimo, e proprio perché sei tu e ho pena della tua patetica natura femminile, posso affacciarmi su questo gradino e guardare l’acqua che ti cade addosso annegandoti.

No, dai, non piangere. Ecco, un altro attacco isterico.

Va bene, guarda facciamo così: ora mi sposto di un metro, piscio questa gronda e rientriamo. Contenta ora? Ecco.

Epilogo

Ho la testa pesantissima.

Ho la testa pesantissima.

Chebbella la mia poltrona calda. Col cavolo che mi alzo da qui finché non smette di piovere, o non arriva il mio trench di burberry. Vi ricordo che il colore che mi sta meglio è il rosso, ma posso anche adattarmi ad un classico beige. Certo, si sporcherà un po’.


Annunci

7 Risposte

  1. Misa

    Amore della zia ma torna a casa dalla famiglia e lascia la donnaccia a infeltrirsi sotto l’acqua!!

    18/03/2013 alle 8:56 am

    • PAPPE DEL SUPERMERCATO!!!!
      Dico solo questo!
      ;;____;;

      Mi lascerò morire…

      18/03/2013 alle 9:41 am

  2. Angelo ; Nonnino ti sta già progettando uno Scottitutone integrale tipo Beppe Grillo, con tubetto riportato a direzione controllabile elettronicamente per pisciare come e quando vuoi, restando all’asciutto !Torna a casa Sciotto !!!!!!

    18/03/2013 alle 9:43 am

    • emanuela

      l’acqua non porta mai nulla di buono. Io l’sempre detto.
      Anima la tua cantina!!!!

      18/03/2013 alle 12:59 pm

      • Cara Manu,
        la cantina è stata imbiancata di fresco, per fortuna.
        Finalmente ho un luogo confortevole dove vagare in santa pace.
        Mi dava così fastidio farlo con i muri scrostati…
        Ci tengo tanto, io, a queste piccole cose.

        18/03/2013 alle 4:25 pm

    • Nonnino!
      La mamma mi affama! Sono deperitissimo!
      Inoltre la TRAGICA mancanza dello scottietutone mi ha ridotto ad un tragico grumo di sporco, quando invece tu ben sai quanto io sia per mia natura pulito!
      Un vero dramma!

      18/03/2013 alle 4:26 pm

  3. Brunella

    Povero piccolo mio,nonna va a comprarti un set di impermeabili di classe e ti prepara zuppette deliziose e corroboranti. Tu porta mamma a prendere fave, carciofi,pesto ed altri sollucheri e torna da me.

    19/03/2013 alle 6:57 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...