Cronache di vita di un cane buffo

Lipsia – tappa 6

Dopo Norimberga ed Erfurt e Weimar é toccato a Lipsia. Ci siamo arrivati in serata, un po’ stanchi ed accaldati e dopo una lotta non da poco per localizzare il nostro albergo, che era in pieno centro. Questo é molto positivo… Ma in Germania il centro delle città é quasi sempre chiuso al traffico, e ci siamo trovati a triangolare via strade chiuse in macchina, in costante contatto telefonico con il concierge.


Una volta arrivati in albergo, il nonno é collassato in uno dei suoi trance narcolettici, e io sono uscito a fare un giro con la mamma e la nonna. Lipsia ci é piaciuta subito: é ordinata e ben tenuta come tutte le altre città tedesche, ha meravigliosi palazzi barocchi, cinquecenteschi, medioevali; ma in piú ha anche vie piene di negozi modernissimi (tutti chiusi, per grande tristezza della mamma, perché la domenica qui son chiuse perfin le chiese!). Il nostro giretto serotino ci é piaciuto molto: non abbiam visitato nulla, ma ci siamo divertiti a prendere contatto con la città. L’unico guaio è che ci saremmo persi almeno mille volte! Abbiamo iniziato a girare senza una meta precisa e senza tener conto delle direzione… La mia mamma si perderebbe in un bicchier d’acqua, e la nonna, che di salito é un po’ meglio, era distratta: insomma, abbiamo girato intorno almeno 10 volte prima di raggiungere di nuovo il nonno in albergo e andare a cena.


Abbiamo cenato ottimamente in un ristorante provenzale (giusto per tener fede alle promesse multietniche della giornata), che era alla fine di una vietta gremita di locali e ristoranti tutti i gusti piú uno. La mamma stranamente non ha avuto da ridire: forse perché anche lei iniziava a non poterne piú della “tipica cucina tedesca” a base di salsicce di ogni tipo e patete in ogni modo!

Il mattino dopo mi ha di nuovo svegliato la mamma: io ero proprio stanco! Siamo stati a fare una passeggiatina… E ci siamo persi di nuovo! Poi il nonno voleva ripartire, ma siamo riusciti a dissuaderlo e a trascinarlo un po’ in giro per la città. Abbiamo visitat un paio di chiese: quella di San Tomas é fondamentalmente consacrata a Bach. C’é un altare che non ha la tomba di San Tomas, ma il Santo Sepolcro di Bach. Ci sono due organi: uno “normale” (diciamo per a musica Romantica) e uno solo per Bach. C’é un coro con l’esplicita missione di occuparsi solo dell’opera di Bach. E fuori c’é un monumento a Bach che ho pisciato con gran gusto perché Bach é noiosissimo e quando la mamma lo sente io vorrei tanto mettermi a sentire i Queen a palla in cuffia, ma purtroppo le cuffie non mi stanno sulle orecchie.


La seconda chiesa (St.Nicholas) invece era una specie di deliziosa bomboniera bianca, rosa e verde con palmette decorative molto fru-fru. Hanno un interessante concetto di religione, da queste parti: tra chiese dedicate a gente che fa 20 figli e chiese coquettose in un finto stile barocco, non sembrano avere un sentimento molto pio… Nel frattempo la macchina fotografica della mamma é morta, di cause naturali: le sue batterie sono finite, e quel genio della mia genitrice non ha portato con se il caricabatterie. Quindi siamo passati ad usare la macchina del nonnino, che é molto piú previdente di lei.


Da segnalare un incontro travolgente: tre (e dico TRE) strepitosi bearded collie (uno grigio, uno bicolore e uno biondo), tutti insieme (erano fratelli) al guinzaglio di una coppia tedesca ceh chiaramente amava la razza al punto di non sapersi decidere circa il colore del cane, e optare per la soluzione che adotta sempre mia madre in questi casi (almeno quando si parla di borse e stivali): uno per tipo.


Dopo esserci persi un altro buon numero di volte, e aver passato mezzora in un negozio di cose Apple dove mamma voleva una tastiera nuova per l’iPad (con tutti gli accenti tedeschi, ovviamente) siamo tornati in albergo e abbiamo recuperato la macchina, per partire alla volta di Berlino… Ovviamente con qualche tappa intermedia.

– Posted from iPaddola

Location:Lipsia, Germania

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...